Breton. Lo sciamano della poesia.pdf

Breton. Lo sciamano della poesia PDF

L. Salvarani (a cura di)

«Il neonato piangeva nella sua culla e il padre disse: Mi ricordo di Babilonia. Poi la madre lo coricò in una piccola vettura trainata da un leone e una vergine nuda. Era il 18 febbraio 1896, e tutti compresero che non bisogna risalire fino al gesto confondente. Mentre leggeva Baudelaire, Huysmans, Mallarmé e Barrès, una folla di donne-tronco molto belle, con una lumaca sulla testa, lo contemplava a mani giunte. Fu allora, nel 1913, che conobbe Paul Valéry, perché il regno del linguaggio esige la più grande agitazione. A volte i serpenti portavano cappelli a cilindro, le gigantesche cicale si sedevano in poltrone rotonde, unaquila leggeva la Divina Commedia. Il poeta, mobilitato nel 1915, era stato assegnato a un centro di neuropsichiatria. Ma i serpenti, le cicale e le aquile sanno che il sogno è di uninnocenza selvaggia. Linventore ha due scale di ferro che fanno comunicare la gola con il cervello, Sarah Bernhardt ha il volto coperto di nature morte impressioniste, e il poeta (che, nel 1919, pubblica il suo primo libro, Mont de Piété) ha la parola speranza scritta sulle dita. Freud, Aragon, Ernst, Tzara, Soupault, Desnos, Picabia, gli amici del poeta danzarono al Ballo degli Incoerenti con delle vedove bianche e nere, con le Preziose di Abraham Fosse e le lascive sonnambule, mentre la bella e la bestia giocavano a sodomizzarsi. È nel 1924 che esplode il Manifesto del Surrealismo, nellavenue de Raymond Roussel, nellinverno di Arcimboldo, nelle matematiche di Lewis Carroll, nei viaggi fantastici di Goya, nelle immagini della confusione di Rimbaud, nei seni eretti di tutte le donne e negli indomani che cantano. Chi non ha visto Nadja, nel 1928, scivolando sui pattini, una torcia in mano, rivelare a Dracula, Don Chisciotte e Casanova il segreto dellassurdo? (...) Il poeta viaggiò e percorse così i mille meandri dietro lo specchio, le follie e i fantasmi, nudo, a cavallo di una vacca dalle corna dorate, portando sulla testa una colomba bianca. Lontano, nella sfera, gli innamorati si abbracciavano, a testa in giù. DallOde à Charles Fourier al Surréalisme, méme e La Brèche, il poeta vide, tra altre innumerevoli meraviglie, la donna sorgere, adulta, dalla breccia aperta a colpi dascia nel cranio di un vegliardo dalla barba bianca e dagli enigmi a forma di automobile marciante a tutto gas. E nel 1966 il poeta morì senza morire».(Arrabal)

Una poesia in Dono 3.XII.2016, davanti alla Borsa di Milano vide una cinquantina di poeti che hanno letto e regalato poesia alla popolazione. Si ritiene che nel contesto di una civiltà sull’indecoroso orlo del tramonto, la poesia possa risultare rivoluzionaria nel risvegliare le energie dell’immaginazione, del pensiero e dell’entusiasmo esistenziale e altruistico. Breton. Lo sciamano della poesia Libro: Copertina morbida editore: MEDUSA EDIZIONI anno edizione: 2019 pagine: 138 «Il neonato piangeva nella sua culla e il padre disse: "Mi ricordo di Babilonia". Poi la madre lo coricò in una piccola vettura trainata da un leone e una vergine nuda.

1.86 MB Dimensione del file
8876983872 ISBN
Breton. Lo sciamano della poesia.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.icreativemaster.com o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Intervista ad Alejandro Jodorowsky su La danza della realtà ... fare ancora oggi un uso magico quelle che gli sciamani chiamano "le piante di potere"? ... Alle due di notte squilla il telefono a casa di André Breton, padre del Surrealismo. ... Frequenta poeti come Nicanor Parra che lo invitano a orinare devotamente sulla  ... lo sciamano compie verso la potenza responsabile della formazione del feto – chiamata ... 45 Si veda, tra la sterminata bibliografia: D. Le Breton, Corps et anthropologie: de l'efficacité symbolique ... come invece suggeriva il poeta. Il punto ...

avatar
Mattio Mazio

23 feb 2003 ... Lo sciamanesimo, per esempio, è satanico per la Chiesa? ... Breton (http://www. lm.com/~kalin/breton.html), saputo della sua imminente ... nell'occhio del poeta francese, che è ancora azzurro perché tale lo conserva la sua ...

avatar
Noels Schulzzi

... sulla struttura concettuale della poesia lirica o sul problema se essa sia stata e continui ad essere il nucleo ... Il poeta realizza lo sforzo di dare voce a quella voce, lasciandosi impregnare dagli umori ... L‟apostrofe finale, al magio, allo sciamano mangione. E tutto questo ... Breton, dato che la poesia nutrirà l‟. ––– non ...

avatar
Jason Statham

CINECA IRIS Institutional Research Information System. IRIS è la soluzione IT che facilita la raccolta e la gestione dei dati relativi alle attività e ai prodotti della ricerca. Fornisce a ricercatori, amministratori e valutatori gli strumenti per monitorare i risultati della ricerca, aumentarne la visibilità e allocare in modo efficace le risorse disponibili.

avatar
Jessica Kolhmann

«Breton cammina a ritroso, voltando la schiena al mondo della tecnica per tornare alla magia, ovvero all’onnipotenza del desiderio». Quest’asserzione di Jean Starobinski è contenuta in Breton Lo sciamano della poesia (pp. 140, euro 17,00), che meritoriamente le Edizioni Medusa propongono, a cura e con diligente traduzione di Luana Salvarani. Leggi il libro Breton. Lo sciamano della poesia PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su mylda.co.uk e trova altri libri di L. Salvarani (a cura di)! «Il neonato piangeva nella sua culla e il padre disse: "Mi ricordo di Babilonia". Poi la madre lo coricò in una piccola vettura trainata da un leone e una vergine nuda.