Genzano di Lucania dal 1333 al 1616.pdf

Genzano di Lucania dal 1333 al 1616 PDF

Michele Battaglino

Il titolo del libro indica chiaramente i contenuti e larco temporale della ricerca: le condizioni storiche, socio-economiche e politiche di Genzano di Lucania da Roberto Sanseverino (1333), genero di Aquilina di Monteserico, a Giovan Battista de Marinis (1616), i cui discendenti terranno il feudo fino allUnità dItalia. Con questopera Michele Battaglino ci dà un terzo segmento della storia genzanese, dopo Ipotesi sulle origini di Genzano (Potenza 1981 e Venosa 2010) e Aquilina di Monteserico (Venosa 2008). La microstoria però non è vista a sé stante, ma è inserita nel contesto del regno di Napoli, cui è legata in modo dialettico, e, a volte, nel quadro più ampio della storia europea. La ricerca si basa su due apprezzi del 1614-1615 (che sono una vera miniera di informazioni e che vengono trascritti dalloriginale custodito nellarchivio di stato di Napoli) e su altri documenti, anche epigrafici, oltre a una vasta bibliografia analizzata.

Genzano di Lucania dal 1333 al 1616. La bolletta di Casapippone. L'Italia e il patto balcanico, 1951-1955. Una sfida diplomatica tra Nato e Mediterraneo. La regola del gioco. Generare alla vita e alla fede. L'Azione Cattolica Italiana e l'iniziazione cristiana. La scelta di Catia.

1.83 MB Dimensione del file
8846742141 ISBN
Gratis PREZZO
Genzano di Lucania dal 1333 al 1616.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.icreativemaster.com o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Genzano di Lucania dal 1333 al 1616 - Battaglino Michele. Nuovo. EUR 15,20 +EUR 5,59 spedizione; Distintivo calcio Basilicata REAL GENZANO DI LUCANIA badge clip no piedino. Di seconda mano. EUR 3,00 +EUR 4,00 spedizione; Il santuario di S. Maria Mater Gratiae in Genzano di Lucania. 8 Genzano di Lucania dal 1333 al 1616 assassinare la notte del 18 novembre 1345 nel castello di Aversa. Luigi d’Ungheria reagì subito, decidendo di invadere il regno per punire esem-plarmente la cognata. Intanto Giovanna il 20 agosto 1347 sposò in seconde nozze l’amato Luigi di Taranto, un altro angioino discendente di Carlo II lo Zoppo.

avatar
Mattio Mazio

Michele Battaglino, nato a Genzano di Lucania (PZ) il 22-3-1944, si è formato culturalmente a Potenza, Bari e Pisa, dove si è laureato in Lettere classiche. Per venti anni docente di Italiano e latino nel liceo scientifico del suo paese, è stato, poi, preside di liceo classico a …

avatar
Noels Schulzzi

9788846742148 | Genzano di Lucania dal 1333 al 1616 - Michele Battaglino - Il titolo del libro indica chiaramente i contenuti e l’arco temporale della ricerca: le condizioni storiche, socio-economiche e politiche di Genzano di Lucania da Roberto Sanseverino (1333), genero di Aquilina di Monteserico, a Giovan Battista de Marinis (1616), i cui discendenti terranno il feudo fino all’Unità d Genzano di Lucania dal 1333 al 1616 è un libro di Battaglino Michele , pubblicato da ETS nella sezione ad un prezzo di copertina di € 16,00 - 9788846742148

avatar
Jason Statham

Trova lucania in vendita tra una vasta selezione di Saggistica su eBay. Subito a casa, in tutta sicurezza.

avatar
Jessica Kolhmann

Genzano di Lucania dal 1333 al 1616. ETS, 2015. Questo libro, che è il terzo segmento di una storia genzanese scritta da Michele Battaglino, dopo Ipotesi sulle origini di Genzano (1981 e 2010) e Aquilina di Monteserico (2008), descrive le condizioni storiche, socio-economiche e politiche di Genzano da Roberto Sanseverino (1333), genero di Aquilina di Monteserico, a Giovan Battista de Marinis