Il ritratto fotografico di gruppo. Per una classificazione iconografica.pdf

Il ritratto fotografico di gruppo. Per una classificazione iconografica PDF

Alberto Manodori Sagredo

Se ogni fotografia è uno spectrum, come vuole Roland Barthes, cioè un fantasma di un istante comunque trascorso, passato, morto, se è unombra, come scrive Jean Christophe Bailly, cioè la traccia di un attimo fuggente, ne consegue che ogni immagine fotografica è unicona del tempo strappata al tempo stesso, un indice di un momento della vita, che sempre scorre e che non lascia nulla di sé se non chiuso nella rete dei ricordi, che si fanno spesso evanescenti se non confusi e che restano vivi solo quando sono forti perché conseguenti da forti fatti. Allora ogni fotografia è come lombra o il fantasma di un fatto forte, solo perché lascia e conserva di sé la propria scena, il volto o i volti, i gesti, le presenze, insomma limmagine conformata così come si presentò allobbiettivo, indirizzato dallocchio attento e selezionatore del fotografo, che di ogni scena sceglie lattimo più significativo e rappresentativo. In questa dimensione del fotografare ogni immagine ha un senso, una giustificazione per esistere e per sopravvivere e far sopravvivere lombra, lo spectrum, il ricordo. Non cè quindi fotografia senza senso, senza valore e le immagini più comuni, più usuali, più tradizionali, come quelle dei ritratti di gruppo, fissano la partecipazione di tanti a un evento in cui ribadiscono la comune identità, la partecipazione a unappartenenza esistenziale, il far parte di unumanità, che è e vuole essere collettiva.

1/ Il volto della Sindone. I dati scientifici: dati che pongono domande. Intervista con Emanuela Marinelli di Pina Baglioni 2/ Sindone: l'ombra (del corpo) e la luce (del mistero), di Marina Corradi 3/ Sindone, scienza e fede. «È come affacciarsi sulla soglia del mistero della Risurrezione».

7.87 MB Dimensione del file
8873955274 ISBN
Il ritratto fotografico di gruppo. Per una classificazione iconografica.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.icreativemaster.com o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Il ritratto fotografico di gruppo. Per una classificazione iconografica.pdf. Per una fondazione razionale dell'etica. Introduzione al corso di filosofia morale.pdf. L' abitato, la necropoli, il monastero. Evoluzione di un comparto del suburbio milanese alla luce degli scavi nei cortili dell'Università Cattolica.pdf

avatar
Mattio Mazio

La veduta, il ritratto, l’archeologia, promosso nel dicembre del 1989 dall’Archivio Fotografico Comunale [155]; prima importante occasione di riflessione critica che sin dal titolo identificava, confermandole, quelle che erano state le aree prevalenti di produzione, e ora di studio. Album fotografici. Fotografi e Studi Italia 1839-1939. Abruzzo. Chieti; L'Aquila; Pescara; Teramo; Basilicata. Matera; Potenza

avatar
Noels Schulzzi

1/ Il volto della Sindone. I dati scientifici: dati che pongono domande. Intervista con Emanuela Marinelli di Pina Baglioni 2/ Sindone: l'ombra (del corpo) e la luce (del mistero), di Marina Corradi 3/ Sindone, scienza e fede. «È come affacciarsi sulla soglia del mistero della Risurrezione». Commenti . Transcript . b - artleo.it

avatar
Jason Statham

Allo stato attuale dei fatti, pur con molti limiti e molte mancanze (specie sul piano prettamente museografico: assenza di inventario, problemi d’identificazione e classificazione di oggetti, assenza di validi apparati didattici e comunicativi), limiti e mancanze derivanti dalla scarsità di spazi, fondi ed energie a disposizione del fondatore, il Museo Agostinelli mostra di avere un alto Salve a tutti. Vorrei mostrarvi un delizioso sesterzio dellImperatore Traiano che mi aggrada particolarmente, poichè questo è uno di quei casi in cui la moneta parla realmente e racconta la storia della sua epoca. Lesemplare si data tra il 103 e il 111 d.C. - Montenegro n° 905. Secondo questa cla

avatar
Jessica Kolhmann

Immagini e Web: percorsi della memoria 2.0. Per una nuova versione Web dell’Archivio fotografico dell’Arcidiocesi di Gorizia Il soggetto ritratto è pur sempre un individuo o un gruppo di persone, ma l’intento va oltre, il referente trascende la persona fotografata per indicare la generalità cui appartiene. Attraverso un processo di astrazione dal singolo all'universale, i soggetti vengono trasformati in icone rappresentative di una etnia, di un popolo, di un gruppo sociale, di una devianza, di una sindrome clinica.